PROGETTO «CENTRO SAN GIUSEPPE» a BERTOUA in CAMERUN

Contenuto-Descrizione del contesto socio politico ed economico

del paese dove si realizza il progetto: (il CAMERUN)

 Descrizione del contesto territoriale di BertouaDescrizione dell’arcidiocesi di Bertoua

Centro di accoglienza dei ragazzi di strada

Acqua potabile in dieci villaggi dintorno di Bertoua

Scuola primaria a Belabo (80km di Bertoua)

      1.                                                             Due scuole secondarie a Bertoua                                                                                                    

Istituto universitario a BertCentro ospedaliero moderno                                                                                             Due scuole agrarieDue piantagioni (cacao e palma )

Storicamente l’attuale Repubblica di Camerun, stato unitario dell’Africa  centrale, fu sotto                            il protettorato tedesco dal 1884 fino alla prima Guerra Mondiale e in seguito venne spartito: un quinto del territorio, quello prospiciente alla Nigeria, venne affidato alla Gran Bretagna, il resto alla Francia.

 

Le principali attività economiche sono quelle legate all’agricoltura, con le piantagioni di cacao, di caffè, tabacco e banane che alimentano anche  una fiorente industria agri-alimentare.

                                 L’agricoltura è uno dei settori chiave e prioritari dell’economia camerunese.                                                              Questo settore occupa il 75% della popolazione attiva, contribuisce  al 25%           del Pil e rappresenta il 51% delle esportazioni. Il potenziale agricolo è ricco, diversificato grazie                             alla situazione geografica e climatica del paese. Sotto la voce agricoltura, in Camerun si raggruppano essenzialmente le culture destinate al consumo locale. Queste possono essere divise in due gruppi:  le culture tradizionali (la manioca, il mais, il miglio, la banane plantain, il macabo) e le culture non-tradizionali destinate anche al’esportazione (potate, cipolle, grano, riso, legumi vari).

Anche il Camerun è un esportatore di oro nero ormai dagli anni ’70 ma anche in questo settore la poca trasparenza nella gestione dei proventi ha impedito che la maggior parte dei benefici giungessero alla popolazione. Le condizioni di vita della popolazione non sono ottime, il 48% della popolazione vive ancora sotto la soglia di povertà, il tasso di mortalità infantile e l’incidenza dell’HIV sono molto alti (69,83 morti su 1000 nati vivi e 7,73 di malati di AIDS).

Gli ospedali e centri sanitari sono assolutamente carenti sotto molto aspetti. Da migliorare sono anche          i servizi legati all’educazione e all’istruzione che restano insufficienti. Nonostante le scuole primarie obbligatorie per tutti, esiste una gran parte di bambini che non ha accesso ad un’educazione adeguata  perché vivono sulla strada o provengono da famiglie estremamente povere.                                                              A causa della povertà tanti bambini e ragazzi non frequentano la scuola,                  subiscono la schiavitù da parte dei genitori che il sottomettono a lavori al di sopra delle loro capacità fisiche e psicologiche per contribuire al mantenimento della famiglia.

In breve, il Camerun è uno degli Stati più stabili dell’Africa sub-sahariana. Una clima sociale ottimo,             se raffrontato alla situazione degli altri paesi limitrofi (Congo Brazzaville, Ciad, Repubblica Centrafricana, Nigeria), ed un basso livello del costo del lavoro lo rendono una sede idonea all’installazione di attività produttive.

 

                           Bertoua è la capitale economica e amministrativa della regione dell’Est-Camerun,                                                                              capoluogo del dipartimento di Lom e Djerem.                                                                                             La foresta pluviale equatoriale domina questa regione del Camerun.

                                                   L’arcidiocesi di Bertoua è una sede metropolitana della Chiesa cattolica,                                                                              e comprende il dipartimento di Lom e Djerem nella regione dell’Est                                                                          in Camerun. Nel 2012 contava 129000 battezzati su 345000 abitanti.                                                                              È attualmente retta dell’arcivescovo Joseph Atanga, dalla famiglia religiosa  dei gesuiti. Il territorio si estende su 26320 km2 ed è subdiviso  in 37 parrocchie.                                             La provincia ecclesiastica  di Bertoua, istituita nel  1994, comprende, come suffraganee,                                   le diocesi di Batouri, di Doumé-Abong-Mbang e di Yokadouma. Nella parte del Est-Camerun, la gente vive in povertà assoluta, senza poter contare su aiuti da parte dello Stato.

2.   Descrizione breve dei progetti

Con il patronato dell’Opera di San Giuseppe, la diocesi di Bertoua che da anni lavora in aiuto della parte più povera della popolazione attraverso diverse opere sociali, intende sostenere i ragazzi di strade,                   la formazione scolastica dei bambini e giovani, e poi, di dare accesso alla formazione professionale                              sotto diversi ambiti.  La casa di accoglienza per i ragazzi di strada sarà un’opportunità per loro                                  di avere una famiglia, e di ricevere una buona educazione ed istruzione adeguata.

La mancanza d’acqua potabile a Bertoua e nei villaggi dintorno è la causa della mortalità infantile. L’acqua infetta in zona rurale è all’origine del 50% delle malattie. Il progetto dell’acqua potabile ha come scopo di costruire 10 pozzi con pompe a mano nei villaggi.

Questa scuola primaria accoglierà i bambini della seconda infanzia (6-12 anni).

Nel sistema educativo camerunense la scuola secondaria accoglierà i ragazzi  che hanno 12-18 anni, sia nell’insegnamento generale o (scienze umanistiche ) che nell’insegnamento tecnico e professionale. Si studia fino al conseguimento del titolo per l’iscrizione all’università.

L’Università Cattolica di Bertoua funziona è la sola istituzione universitaria della regione dell’Est           del Camerun. Però a causa della mancanza dei finanziamenti non è stata ancora costruita, provvisoriamente essa occupa finora gli edifici e lo spazio dell’antica canonica del personale della curia diocesana. 

            Per una buona preparazione professionale, sociale, culturale al servizio di tutti gli studenti di questa parte del paese, occorre costruire un istituto universitario con le infrastrutture di qualità ed avendo tutte le facoltà per soddisfare la domanda della popolazione. Anche gli studenti dei paesi vicini del Camerun come quelli della Repubblica Centrafricana, Ciad, Congo Brazzaville vengono a studiare a Bertoua.

Il risultato della tassa di povertà è elevatissimo nella regione dell’Est del Camerun, quasi la metà dei bambini sono malnutriti e manca l’assistenza medica di base contro le malattie mortali come malaria, l’Aids, infezioni respiratorie, diarrea acuta e tubercolosa, ecc.

La costruzione di un centro ospedaliero moderno permetterà alle famiglie delle zone rurali di ricevere più facilmente le cure mediche senza andare alla capitale Yaoundé che è si trova a 350 chilometri circa da Bertoua.

Ogni essere umano ha diritto alla salute.  Questo centro ospedaliero sarà gestito all’inizio dai volontari Europei.

 Il settore dell’agricoltura e dell’allevamento bovino non sono abbastanza sviluppati. Infatti la produzione bovina per esempio non è sufficiente a soddisfare i bisogni alla domanda, allora che il potenziale naturale per lo sviluppo dell’allevamento è grande. Purtroppo ilo settore soffre della mancanza di professionalità dovuta all’assenza di mano d’opera qualificata e alla carenza di investimenti  per la modernizzazione delle infrastrutture. E poi essendo un paese dove l’agricoltura occupa il primo posto nella vita delle popolazioni, i bambini camerunesi soffrono ancora del problema di malnutrizione. Una scuola aiuterà alla formazione i giovani ad imparare a coltivare scientificamente, a migliorare la qualità della quantità e la qualità della produzione. Questa scuola agraria offrirà molti strumenti ai ragazzi per valorizzare il terreno e la foresta non ancora sfruttati. 

Per dare l’opportunità ai ragazzi della scuola agraria di fare la pratica e assimilare la loro formazione, la diocesi intende creare due grandi piantagione, una per il cacao e l’altra per le palme. Ogni piantagione avrà 30 ettari.

 

3. Obiettivi specifici dei progetti

  • Soddisfare le esigenze di molte famiglie povere nel Est del Camerun (il diritto alla salute ed il diritto  alla scuola)
  • Aumentare il livello di istruzione e un sostegno per i bambini in difficoltà, soprattutto orfani o abbandonati. 
  • Preparare ed incoraggiare i bambini, i ragazzi e le loro famiglie a frequentare la scuola
  • Risolvere il problema della mancanza delle risorse idriche in zona rurale
  • Garantire un futuro ai giovani provenendo delle famiglie povere
  • Modernizzare l’agricoltura e mettere in valore il terreno che è l’unica e la principale ricchezza delle popolazioni. 

4. Dettagli dei progetti

 4.1. Centro di accoglienza di ragazzi di strada

Ospiti: 300 bambini

Area: 5000m2

Costo: 45600.00 euro

4.2. Pozzi con pompe a mano (nei villaggi)

Per la realizzazione dei pozzi nei villaggi, il costo stimato è il seguente:

            Costo per un pozzo: 8500.00 euro

            Totale: 8500 euro x 10: 85000.00 euro

           

4.3. Strutture e infrastrutture scolastiche

La regione Est-Camerun ha un dei tassi di analfabetismo più bambini frequenta scuola. L’obiettivo è di offrire delle strutture scolastiche alla popolazione di questa parte del paese sottosviluppata. Per affrontare questa situazione intendiamo costruire delle scuole: una primaria, due scuole secondarie per le scienze umanistiche, un istituto universitario, una scuola agraria e una scuola di formazione professionale. 

  1. Scuola primaria a Belabo (80km di Bertoua)

Si inizierà con le strutture seguenti:

-        L’amministrazione

-        12 aule per gli allievi (Si fa sei anni nella scuola primaria in Camerun. Ogni livello avrà due aule, e 50 allievi in ogni aula)

-        e i servizi ( un blocco per i ragazzi e l’altro per le ragazze)

Numeri di allievi: 600

Area: 5000m2

Costo: 175000.00 euro

  1. Due scuole secondarie

E’ previsto una scuola secondaria per le scienze umanistiche, e il ciclo completo conta sette anni di studi fino al conseguimento della laurea di baccalaureato (esame di maturità).

Ci vuole 34 aule perché ci saranno gli allievi che studieranno le lingue (tedesco, spagnolo e l’inglese), la matematica, la chimica, la fisica e le scienze naturali.

-        Amministrazione

-        34 aule (primo e secondo ciclo completo)

-        La biblioteca

-        Sala delle riunione

-        La cantina

-        Complesso sportivo per le attività sportive

Allievi: 400 circa

Area: 5 ettari

Costo: 650000.00 euro

  1. Istituto universitario a Bertoua
  2. Due scuole ( una di agraria e l’altra professionale)

Numero di studenti: 900

Area: 15 etari

Costo: 1120000.00 euro

  • La scuola di agraria
  • La scuola professionale (informatica, meccanica, elettrica e turismo)

Il Camerun soprattutto la regione del Est, situata in foresta, è essenzialmente una regione d’agricoltura, però la maggior parte dell’agricoltura è di sussistenza, si tratta di una agricoltura familiare, domestica perché fatta solo per il consumo. Il settore soffre della mancanza de professionalità dovuta all’assenza di mano d’opera qualificata e alla carenza di investimenti per la modernizzazione delle infrastrutture.

                        Allievi: 300

                        Area: 15 ettari

                        Costo: 125.000.00 euro

Allievi: 200

Area: 10 ettari

Costo: 280000.00 euro

  1. Un centro ospedaliero
  2. Due piantagioni (cacao e palma)

(a completare)

Ogni  piantagione avrà 30 ettari ( in totale 60 ettari, cioè 30 per il cacao e 30 ettari per la piantagione di palme) per l’inizio del progetto. Ci vuole un materiale per fare il lavoro, per tagliare l’erba e alberi a pezzi  ( preparazione dei terreni, innaffiatoi, pompe per la sterilizzazione e la  polverizzazione, i semi, prodotti chimici, tubi, ecc.)

Area: 60 ettari

Costo: 90000.00 euro 

Si tratta di un progetto di sviluppo agricolo volto per migliorare la qualità di vita e  anche le piccole  comunità locali provenienza dei bambini. 

PER CONTRIBUIRE CLICCA QUI